giovedì 24 aprile 2014

Salame Turco - Salame di Cioccolato



Buongiorno a tutti. Per la Pasquetta passata ho voluto puntare sulla semplicità e sulle ricette che ho sempre fatto da quando avevo 15 anni. Beh mi son resa conto che il Salame Turco, uno dei dolci più semplici ma più buono, non era mai stato postato nel mio blog!!! Quindi rimedio subito ed ecco a voi la ricettina.


Salame Turco
250g di biscotti secchi sbriciolati grossolanamente
200g zucchero
100g cacao amaro
2 uova
liquore Amaretto a occhio 
nocciole intere a piacere
cacao amaro per spolverare


Mescolate i biscotti sbriciolati con lo zucchero e il cacao. Aggiungere le uova e le nocciole. Infine l'amaretto. Aggiungetene poco alla volta fino ad ottenere un impasto morbido ma non troppo. Formate i salsicciotti e rotolateli nel cacao amaro e chiudete bene stretto con la carta Alluminio. Mettete in freezer o frigo (io preferisco congelarlo così si abbatte un pò la carica batterica delle uova crude). Appena sarà duro potete mangiarlo tagliandolo a fettine.

Vi lascio con dolcezza oggi.

A presto.
 Laura


martedì 22 aprile 2014

Aceddu ccu l'ovu, Uccello con l'uovo



Buona Pasqua a tutti anche se in tremendissimo ritardo!!! Ed eccomi qui dopo due pastiere Napoletane ad augurarvi Buona Pasqua con uno dei dolci tipici siciliani...i Cuddura o Aceddi ccu l'ova (ricetta che potete conservare per la prossima Pasqua). In genere sono più colorati e si usano le codette (zuccherini colorati), ma erano buoni comunque :D


Aceddi ccu l'ova (ricetta presa da internet)
per due biscottoni

250g farina
60g strutto sciolto e raffreddato
75g zucchero
1 e mezzo uova
scorza di mezzo limone
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
1 uovo e mezzo (il mezzo prendetelo sbattendo un uovo intero)
5g ammoniaca per dolci
1/3 di tazzina di latte caldo (andate a occhio, giusto un goccio)

2 uova sode
1 uovo sbattuto per lucidare


Mettere la farina a fontana, con lo zucchero. Mettere le uova al centro e iniziate a mescolare.Mettere vaniglia e scorza. Poi aggiungete lo strutto sciolto e raffreddato. Infine sciogliere l'ammoniaca del latte caldo e aggiungere. Formare una palletta e mettere in frigo. Io dopo aver impastato ho avvolto con pellicola e lasciato tutta la notte in frigo. Stendete la pasta e decorate come meglio credete e date le forme di uova, colombe e cestini. Mettete le uova sode e fermatele con nastrini di pasta frolla.Spennellare con un uovo sbattuto Cuocere a 190°C fino a doratura
.

A prestissimo.
 Laura

mercoledì 16 aprile 2014

Trippa con Fagioli




Ed eccomi anche questo mese a partecipare all' MTChallange . Questo mese è difficilino...Quinto Quarto grazie a Beauf à la mode



Trippa con Fagioli

1kg trippa tagliata a pezzetti piccoli
1 cipolla piccola
una costa di sedano
pomodoro
sale Q.B.
olio Q.B.
1carota
1cipolla 
3-4 coste di sedano con le foglie tenere
400g fagioli di Spagna già lessati
 1 bottiglia di passata di pomodoro





Per prima cosa bollite la trippa con la cipolla a pezzi, il sedano intero e il pomodo a pezzetti. Appena è cotta, si scola e si prende solo la trippa. Fare il soffritto con cipolla, carota sedano e olio abbondante e salare. Mettere la passata, farla cuocere e a metà cottura mettere la trippa prelessata. Si lascia cuocere, mettere i fagioli e mescolare, lasciare cuocere qualche altro minuto. Finire con prezzemolo fresco nel piatto.

Con questa ricetta partecipo all'Mtc di Aprile



domenica 13 aprile 2014

Macarons, tradizionali dolcetti francesi




Buona domenica delle Palme a tutti. E finalmente dopo anni e anni sono riuscita a provare questi favolosi Macarons!!! Ovviamente la ricetta è francese ed è di Pierre Hermè, il signore dei Macaron. Chi è stato in Francia sa di cosa parlo, di questi dolcetti che stanno proprio in mezzo alle meringhe e agli amaretti....Ecco io non mangio nè meringhe nè amaretti, ma per un Macaron potrei fare di tutto. Sono buonissimi anche senza ganache o marmellata in mezzo ma è certo che con il ripieno sono i veri Macarons!

Ecco i miei Macaron rosa con la Marmellata di Fragole Homemade ovviamente :D


Macaron di Pierre Hermè con Marmella di Fragole

150g Farina di mandorle
55g albumi (vecchi di almeno 3-4 giorni)
150g zucchero a velo
vaniglia
11g colorante rosso alimentare liquido (io ne ho messo meno  per farli venire rosa e non rossi)

37g acqua
150g zucchero a velo per sciroppo (io ho usato il semolato, tanto si scioglie per fare lo sciroppo per la Meringa all'Italiana)
55g albume (sempre vecchio di 3-4 giorni)

Mettete lo zucchero a velo con la farina di mandorle e di albume. Mettete il colorante rosso liquido e un pò di Estratto di Vaniglia.



 Fate la meringa all'Italiana. Mettete l'acqua e lo zucchero e fate arrivare a 118°C. Quando salirà a 115°C mettete a montare l'albume. Poi arrivati a118°C aggiungete a filo, mentre la Planetaria continua a montare con la frusta. Lasciate raffreddare un pò.
Aggiungete la meringa all'Italiana e mescolate dal basso verso l'alto senza smontare il tutto. Il risultato sarà questo qui sotto.

 Mettete in una Sacca per dolci con una bocchetta con foro liscio (il mio forse era troppo piccolo per la dimensione di Macaron che poi ho fatto). Per fare le forme, disegnate sulla carta forno, con una matita, dei cerchi aiutandovi con un coppapasta oppure con un bicchierino. Poi spremete il composto all'interno del cerchietto. Cercate di mettere la stessa forza per ogni Macarons, in modo tale avrete Macaron tutti della stessa grandezza.

Lasciate riposare per 30 min nelle teglie. Cuocete (una teglia per volta) a 180°C per circa 12-15 min. Fateli raffreddare in una griglia e poi mettete la marmellata e unite con il secondo Macaron. E poi....fateli fuoriii e vedrete che bontà.

A presto con una ricetta un pò strana.
Laura

mercoledì 26 marzo 2014

Soufflè di Zucca con salsa vellutata ai Pistacchi di Bronte


Ed eccomi qui anche per questo mese a partecipare all'MTChallenge con il buonissimo Soufflè di Fabiana dal blog Tagli e Intagli. Devo dire che con questa ricetta perfetta, la riuscita è assicurata. L'ansia sale in modo proporzionale alla salita del Soufflè...stai li a guardare e dire oddio ora si sgonfia??? Invece fa il suo onorato compito fino alla foto, dopo 3 sec dopo la foto si affloscia, ma l'interno nonostante l'"afflosciamento" è spumoso come una nuvola e ne mangeresti senza sosta. L'abbinamento con la salsa poi lo trovo azzeccatissimo in quanto il Soufflè ha bisogno di un accompagnamento, qualcosa che ne esalti il sapore.


Souffle di Zucca al pepe Bianco

 per 6 porzioni
 (le mie ciotoline erano piccole quindi ne sono venute tantissime e ho anche provato a metterli nei pirottini da Muffin, non uccidetemiiii!!!)

300 ml panna fresca
3 cucchiai di Maizena
30g burro
6 uova
350g zucca
sale qb
pepe bianco
sale rosa dell'Himalaia
un filo d'olio

Per prima cosa tagliate la zucca a pezzetti e cuocetela in forno a 150°C per mezz'oretta con un filo d'olio il pepe bianco e il sale rosa dell'Himalaia. Se vedete che è troppo asciutta dopo 10 min aggiungete pochissima acqua. Fatela raffreddare e schiacciatela con una forchetta grossolanamente.





Preparate le cocotte imburrandole benissimo. Poi spolveratele con formaggio grattuggiato o farina e mettele in frigo. Accendete il forno a 200°C.

Preparate adesso il soufflè, sciogliendo la maizena in un pò della panna totale. La restante panna mettetela a bollire. Appena raggiunge il bollore. abbasate il fuoco, mettete la maizena e con una frusta girate fino a che non si formerà una crema "spessa" corposa. Fuori dal fuoco mettete il burro. Poi mettete un tuorlo alla volta, avendo cura di amalgamare bene prima di mettere il successivo.Aggiustate di sale e mettete la zucca. Alla fine montate a neve ferma gli albumi e aggiungeteli con una spatola, mescolando dal basso verso l'alto senza smontare MAI il composto.
Riempite le cocotte per 2/3 e infornate per 15-18 min circa (fino a doratura della superficie).


Salsa Vellutata ai Pistacchi di Bronte

30g burro
30g farina 00
450 ml brodo vegetale
20g pistacchi di Bronte tritati


Il brodo l'ho fatto mettendo a freddo, l'acqua mezza carota,una cipolla bianca piccola e mezza costa di sedano. Aggiustato di sale e messo pepe bianco. Lasciare bollire finchè il brodo diventerà di un bel colore ambrato/verdastro e assaggiatelo e vedrete che è molto saporito.

Per la salsa, fate un roux con burro e farina fino a farlo diventare bello ambrato. Poi aggiungete il brodo e lasciate sobbollire 10 min. Poi aggiungete i pistacchi e lasciate cuocere sempre a fuoco basso, per altri 5 min. Se la preparate prima, protete sempre scaldarla aggiungendo un pò di brodo.



Il mio Soufflè semplicissimo partecipa al MTC di Marzo:


martedì 25 marzo 2014

Torta morbida al Cioccolato fondente



Avete presente quando fuori fa ancora freddo (beh qui in Sicilia ancora per poco) e si ha bisogno di un thè caldo e una coccola? Benissimo allora eccovi la ricetta perfetta della Torta morbida al Cioccolato fondente altrimenti detta Torta Tenerina.

Facilissima e buona con un cuore tenero al cioccolato fondente.



Torta Tenerina

Teglia da 20 cm

300 g di cioccolato fondente  
100 g di burro 
200 g di zucchero
6 uova  
1 cucchiaio di farina

 Fate sciogliere il cioccolato con il burro a bagnomaria. Sbattete 2 uova e 4 tuorli con lo zucchero in modo da ottenere un composto spumoso. In un’altra terrina montate a neve i 4 albumi. Unite i composti ottenuti al cioccolato fuso, mescolate e amalgamate bene dall'alto verso il basso, cercando di non smontare il composto. Preparate una tortiera con della carta da forno oppure imburrate e infarinate la teglia, versatevi il preparato. Infornate per circa 30 minuti a 180°C.


Alla prossima ricettina.
Laura
 

venerdì 21 marzo 2014

E' primavera: Torta ai Fiori di Pesco





 Buon inizio week end!!! Per festeggiare la primavera ecco qui la torta che ci ha tolto il sonno per qualche notte. Una torta specialissima per la nostra Cake's Amore fatta a sei mani in collaborazione con Cuocicucidici e Nel forno di Marina




 

La base è una Vanilla Cake farcita con Cheesecream Buttercream e fragole. Stuccatura cioccolato fondente che si sposa bene con le fragole. Tipicamente all'americana. I decori sono stati realizzati dalla bravisissima Marina mentre i ben 70 e passa fiori di pesco da EliFla...parliamo di circa 640 petali fatti ad uno ad uno!!! Io mi sono occupata di rivestire i dummies e di fare la parte mangereccia. Diciamo che il lavoraccio alla fine ci ha ricompensato. La festeggiata ha gradito e noi siamo strasoddisfatte della nostra megatortortona :D


Alla prossima ricettina...e BUONA PRIMAVERA A TUTTI!!!

mercoledì 19 marzo 2014

Zeppole di S.Giuseppe al forno



Ed eccomi qui dopo uno stupendo week end, con ospiti Partenopei, passato come una turista nella mia bellissima Catania. Beh mi sembrava giusto onorare S.Giuseppe con un dolce tipico Napoletano...e su cosiglio di un intenditore della Zeppola, le ho fatte al forno anzicchè fritte!!! Ebbene si anche io per una volta preferisco un dolce al forno a quello fritto...molto più delicato e soprattutto così si è giustificati sulla quantità da ingurgitare!!! Semplici e buone buone!!!

Zeppole di S.Giuseppe Napoletane

Crema pasticcera (fatela la sera prima)

1 litro di latte
 4 cucchiai di farina 00
4 tuorli
100g zucchero
Estratto di  Vaniglia

Pasta Choux per Bignè (presa da Gennarino il forum)

120g farina 00
4 uova (io ne ho utilizzate 3 e mezzo)
un pizzico abbondante di sale
240g di acqua
50g burro

Mettere a bollire l'acqua con il burro e il sale. Appena bolle, togliere dal fuoco e mettere la farina tutta insieme e mescolare velocemente. Rimettere sul fuoco e mescolare con cucchiaio di legno, finchè si formerà una palletta fumante che si stacca dalle pareti. Lasciate raffreddare 5 min e aggiungete le uova una alla volta, mescolando con la frusta. L'ultimo uovo, sbattetelo e aggiungetelo un cucchiaio alla volte. Non sempre si ha la necessità di mettere tutte le uova. L'importante è che il composto risulti sodo, e non liquido, e abbia la consistenza di una crema pasticcera che formi un ricciolo sullo stesso composto. Mettete in una sacca per dolci comn beccuccio e fate le forme su una teglia con carta forno. Il forno a 200°C ben caldo. Dopo 7-8 min abbassate a 160-170°C e ultimate la cottura.

Farcite i bignè e decorate con un'amarena sciroppata sopra.